Projects
Frontcovers
Top Favorites
Latest
Competitions
Albums
Details
Newsletters
Perugia (PG), Italia

Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

STATO ATTUALE L’edificio oggetto d’intervento risale ai primi anni ’60 e mostra i segni di un tentativo di fondere elementi modernisti con i materiali della tradizione locale. Planimetricamente piuttosto regolare l’edificio presenta fondamentalmente due tratti distintivi: il primo la torretta sul prospetto Nord-Est rivestita in pietra con una copertura a falda unica ed una grande finestrature a nastro nel piano alto; il secondo è la parete in pietra che termina il prospetto Sud-Est; questo lato è il più ricco di motivi architettonici, infatti oltre la parete in pietra si trovano degli sfondati che al piano terreno identificano la porta d’ingresso e al piano primo due finestrature piuttosto strette che originariamente erano probabilmente un unico serramento. La parete in pietra fa da contenimento ai terrazzi di cui si intravede la soletta attraverso un asola verticale che permette alla luce naturale di sfiorare la facciata al mattino. La facciata Sud-Ovest è interamente percorsa da terrazzi continui di larghezza non superiore a 1,20 metri. Il prospetto Nord-Ovest è privo di caratteri tipologici importanti. Il parco che circonda la villa è attualmente in stato di abbandono ma presenta ancora caratteristiche tipiche dei giardini anni ’60 come i pini marini, il cipresso, il nespolo. Gli ingressi sono due: il primo carrabile sul lato più a nord del lotto, il secondo (più a sud) pedonale ma di discreta larghezza ha anche una piccola pensilina. La struttura portante è realizzata in muratura e pietrame misto; i terrazzi sono a sbalzo ancorati ai solai in latero-cemento. La copertura è realizzata in carpenteria metallica (grande e piccola orditura), tavelloni e getto in c.l.s. armato. Il manto di copertura è in tegole marsigliesi. Per quanto non meglio specificato si rimanda agli elaborati grafici e alla documentazione fotografica. INTERVENTI IN PROGETTO La copertura è stata demolita e per garantire un miglioramento sismicoè stato realizzato un cordolo di opportune dimensioni fino ad un massimo di 30 cm per appoggiare la nuova copertura. La nuova copertura è stata realizzata in carpenteria metallica (grande e piccola orditura), doppio tavolato di tipo ventilato. Il progetto ha visto la realizzazione di un blocco scala esterno e l’ampliamento dei terrazzi,previa la loro demolizione e ricostruzione. La necessità di un blocco scala esterno è dovuta alla realizzazione di più unità immobiliari e la conseguente necessità di servirle dall’esterno tramite un sistema tipo ballatoio. La scala è stata posizionata sul prospetto Sud-Ovest e nell’intento dei progettisti questo corpo deve essere permeabile alla luce, removibile e di aspetto chiaramente contemporaneo. Analizzando nello specifico l’intervento che si vorrebbe realizzare si evincono quattro oggetti fondamentali. - posizionamento della scala sul lato nascosto; - il rivestimento permeabile alla luce; - la funzionalità inerente la posizione. La scelta di posizionare il blocco scala al prospetto Sud-Ovest, oltre che per un fatto funzionale, deriva dalla volontà di non rovinare i prospetti più ricchi dal punto di vista architettonico, Sud-Est e Nord-Est, e di limitarne la visibilità del blocco stesso dalla strada; infatti le scale verrebbero parzialmente nascoste dalla vegetazione originale del parco e in un futuro si potrebbe anche pensare di usare le pareti come facciate verdi tramite la messa a dimora di opportune piante rampicanti. La struttura in carpenteria metallica è stata scelta per la sua leggerezza e per rendere unico nell’aspetto frontale i terrazzi e il corpo scala, interventi che devono poter essere letti come non coevi all’edificio originale testimonianza della fase di modernismo a Perugia. Il rivestimento del corpo scala e previsto in rete metallica di colore bianco con delle aperture circolari ad altezza superiore ad 1.20 metri rispetto al piano dei gradini. Il blocco scala è staccato dai terrazzi sia per via del predetto albero, sia soprattutto per non creare un effetto ombreggiante, anche se limitato visto il rivestimento permeabile, sulla facciata Sud-Ovest soprattutto nei mesi invernali a tale scopo sono state ingrandite le aperture finestrate sulla facciata I terrazzi ampliati e realizzati in carpenteria metallica garantiscono anche un ombreggiamento costante nei mesi estivi ma grazie alla pavimentazione prevista in cemento-quarzo di colore chiaro ,si assicura una buona riflessione della luce solare. In definitiva le scelte fin qui elencate scaturiscono da una riflessione ed una analisi sui caratteri tipologici della villa ed il progetto ne prevede sostanzialmente il recupero, in aggiunta a ciò viene inserito questo blocco scala ed i terrazzi che non devono a nostro parere in alcun modo cercare di imitare quelli che sono i caratteri o i materiali del preesistente ma dare una chiara lettura dei momenti di realizzazione e al tempo stesso mantenere un dialogo di forme e caratteri tipologici, ed è così che il blocco scala diventa una seconda torretta dove gli oblò circolari posizionati in maniera apparentemente casuale cercano un dialogo con le aperture esistenti.

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Menichetti+Caldarelli Architetti — Recupero di Villino Urbano

Haworth-tompkins-architects