Projects
Frontcovers
Top Favorites
Latest
Competitions
Albums
Details
Newsletters
Ponte San Giovanna (PG), Italia

Riqualificazione area e ricostruzione complesso edilizio

Riqualificazione area ex fornaci e ricostruzione di un complesso per attività commerciali, direzionale produttivo e residenziale

SIGNORINI ASSOCIATI — Riqualificazione area e ricostruzione complesso edilizio

L’area oggetto di intervento di circa 4,97 ha, ricade in una porzione di territorio collinare posta a Est di Perugia, lungo la linea ferroviaria Terontola-Foligno, compreso a metà strada fra Perugia ed il quartiere di Ponte San Giovanni. L’ accesso all’ area avviene direttamente dalla via Assisana ed è situato a pochi minuti dall’ uscita Piscille del raccordo autostradale A1 Perugia- Bettole. L’ area è caratterizzata da un’ ottima esposizione e dal bellissimo panorama delle colline circostanti e della valle di Assisi. Parte del comparto edificatorio è attualmente occupata da un grande nucleo industriale dismesso, che si presenta come un grosso agglomerato di manufatti a carattere industriale in stato di completo abbandono e non recuperabile strutturalmente. Il progetto prevede la rifunzionalizzazione dell’intero comparto. L’ accesso avverrà dalla via Assisana mediante un “braccio” stradale di 30m di lunghezza che si innesta nella nuova rotatoria di 32 m. di diametro posizionata in luogo dell’ attuale tornante della via Assisana. Questo sistema permette la regolamentazione in sicurezza degli accessi al nuovo complesso edilizio e tiene conto anche della possibilità di realizzare in futuro la nuova strada prevista nel PRG . Il progetto urbanistico architettonico si articola precedendo un nuovo impianto urbanistico costituito da tre nuclei edilizi principali. Il primo nucleo è costituito dal blocco delle attività commerciali e direzionali ubicate nell’ edificio storico oggetto di ristrutturazione e dall’ edificio ad elle delle residenze convenzionate. Fra i due edifici è prevista una grande piazza pubblica pedonale con sottostante parcheggio interrato pubblico e privato. Il secondo nucleo edilizio è formato a sua volta da due agglomerati costituiti da una serie di case in linea di tre/quattro piani che degradano secondo piani sfalsati verso valle : il primo di forma quadrangolare, si articola attorno ad una vasta corte giardino pedonalizzata; il secondo di forma ad elle si affaccia sulla campagna circostante. Un ponte pedonale collega la piazza del primo nucleo alla corte giardino degli edifici del blocco. La realizzazione dei piani sfalsati sui quali si adagiano i volumi edilizi è ottenuta mediante lo sbancamento del terreno che era stato riportato durante l’ attività della fornace dimessa. A sistemazione avvenuta il profilo del terreno si avvicinerà a quello originario prima dell’ attività di riporto della fornace. Il terzo nucleo edilizio ha la sembianza di un borgo ed è costituito da una serie di case uni o bifamiliari di tre piani fuori terra di altezza massima di 10m, con giardini privati a monte e a valle. L’ accesso al borgo avviene da una strada privata chiusa da un cancello elettrico. Lo schema urbanistico dell’ intervento prevede la separazione della circolazione pedonale da quella meccanizzata. I parcheggi pubblici sono stati ubicati nelle aree esterne e da essi si potrà accedere, attraverso percorsi pedonali accessibili anche ai portatori di handicap, direttamente ai singoli ingressi degli edifici ed a tutti gli spazi pubblici esterni organizzati a parco o a piazza. Le strade previste all’ interno del comparto saranno alberate su entrambi i lati. L’ invaso dello stagno oggi presente sul lato ovest del comparto derivato dall’ antica attività estrattiva della fornace sarà riempito dalle terre ricavate dagli scavi del cantiere e sistemato a parco pubblico a servizio del quartiere. La vasta area di proprietà extra comparto originariamente sfruttata dall’ attività estrattiva della fornace compresa fra il limite del comparto lato ovest, la ferrovia e la stradina a valle e che attualmente risulta in stato di abbandono, verrà sistemata riambientata alla campagna circostante mediante la realizzazione di un oliveto.

SIGNORINI ASSOCIATI — Riqualificazione area e ricostruzione complesso edilizio

Dati di progetto SUC (Superficie utile coperta) realizzabile : mq 25.157,50 ; Mix funzionale: 80% (R) residenze: mq 20.126 (di cui mq 5031,50 di edilizia convenzionata pari al 25% del residenziale); 20% (DP) direzionale, produttivo e commerciale: mq 5031,50. H. max. nuove costruzioni: 13 ml.

SIGNORINI ASSOCIATI — Riqualificazione area e ricostruzione complesso edilizio

Buildings-for-worship