Projects
Frontcovers
Top Favorites
Latest
Competitions
Albums
Details
Newsletters
Salerno (SA), Italia

AQVA* "Salerno Porta Est"

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

dettaglio parco delle acque

NUOVE PORTE E SPAZI PUBBLICI RAPPRESENTATIVI

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

masterplan porta est

Il centro storico di Salerno era protetto da solide mura in cui si aprivano una serie di porte, segni architettonici di grande pregio. Nel tempo molti viaggiatori ed artisti ne hanno raffigurato immagini che sono divenute parte dell’identità collettiva. Ad est del nucleo storico Portanova (l’unica ancora esistente), ad ovest Portacatena e Porta Respizzi, a nord-est Porta Rotese a sud Porta di Mare, mentre a nord le mura si chiudevano a triangolo raggiungendo il castello di Arechi sul picco del monte Bonadies. Al di fuori delle mura l’acqua: i fiumi Fusandola ad ovest, Rafastia ad est ed il mare a sud.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

prospettiva parco delle aque

Il nostro progetto per il recupero e lo sviluppo dell’area est di Salerno, in sintonia con la memoria storica della città e le scelte dell’Amministrazione, è costituito da una serie di porte, fisiche e metaforiche, architetture dal programma e dal significato contemporaneo. Utilizziamo in modi diversi l’acqua, per caratterizzare e dare immediata riconoscibilità ai nuovi spazi pubblici rappresentativi della città.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

prospettiva acquarium

Alla scala urbanistica i due edifici-porta dell’URBAN CENTER e dell’ACQUARIUM sottolineano sia longitudinalmente che trasversalmente il boulevard nel centro del quale è integrato un sistema di PEOPLE MOVER automatizzato che assicura mobilità ad impatto zero fondamentale per lo sviluppo sostenibile dell’area. Alla scala architettonica gli edifici pubblici sono gli elementi fondativi di due nuove grandi piazze, mentre cinque torri-landmark, le RESIDENZE ALTE, punteggiano il boulevard attrezzato e consentono di preservare ampie aree pubbliche e semi-pubbliche attorno alle quali i privati svilupperanno i loro progetti. Infine, il PARCO DELLE ACQUE restituisce finalmente alla collettività l’ultimo ampio tratto di costa disponibile della città.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

acquarium

Spazi Pubblici > NUOVE PORTE

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

prospettiva urban center

- La Porta Est si identifica con il volume sollevato sul pilastro a V dell’URBAN CENTER che conclude il boulevard cittadino attraverso una scenografica cascata d’acqua. Anche a grande distanza, la porta è sempre visibile dal boulevard. L’Urban Center, spazio rappresentativo e simbolico indispensabile per una città in via di trasformazione, segna il limite della nuova piazza, transizione tra la città costruita e la natura da preservare. Sia la piazza che l’edificio sono disegnati in modo da raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana grazie alla vasca di raccolta. L’acqua nebulizzata e le essenze botaniche aiutano a climatizzare naturalmente e a rendere accoglienti gli spazi esterni nei mesi estivi. La costruzione della piazza è prevista in due fasi successive: in una prima fase si realizza solo l’edificio pubblico e la sistemazione degli spazi a verde; nella seconda fase, per attivare lo spazio 24 ore su 24, si prevede la costruzione di parcheggi interrati sui due lati e di alcune attrezzature: un centro di quartiere, un centro parrocchiale con una chiesa, una scuola e un club nautico con ristorante.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

piazza porta est e urban center

- La Porta Sud si identifica con il volume orizzontale dell’ACQUARIUM e la copertura ad ala rovesciata che protegge le vasche, delimitando la piazza verso il mare. Nella luce centrale il tetto ripara dal sole e dalle intemperie la grande vasca esterna realizzata in polimero trasparente. Un arco ribassato a doppia curvatura inquadra il paesaggio del golfo di Salerno con la costiera Amalfitana ad ovest e punta Licosa con il Cilento ad est. L’Acquarium assicura un programma di fortissima attrazione turistica e conclude l’asse prospettico del palazzetto dello sport creando, oltre ad un accogliente spazio semi-coperto, aree dedicate ad installazioni artistiche – sensibilizzazione all’uso della risorsa acqua – Auditorium, Sala proiezioni e Ristorante. Sia la piazza che l’edificio sono disegnati in modo da raccogliere e riutilizzare l’acqua piovana grazie alle vasche di raccolta. Il water wall, un velo d’acqua lasciato scorrere sulle facciate vetrate a nord e a sud, contribuisce a climatizzare gli spazi interni e a rendere vibrante l’edificio di giorno e di notte. Un parcheggio interrato è previsto a servizio dell’Acquarium e del porto turistico.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

urban center

- Le Porte Nord si identificano con una serie di EDIFICI PER ABITAZIONE ALTI, a tratti trasparenti, a tratti traslucidi, che punteggiano il boulevard e ritmano i nuovi assi trasversali, collegati alla base da ampi spazi commerciali porticati: costituiscono segnali che alla scala dell’uomo indirizzano verso gli spazi semi-pubblici, commerciali e le corti retrostanti, mentre alla scala del paesaggio si confrontano con le colline verdi più a nord e con il cielo. Per chi arriva dal mare o dal boulevard, i landmark luminosi costituiranno il simbolo contemporaneo della nuova Salerno e del riscatto della degradata zona est. Le torri residenziali sono energeticamente auto-sostenibili grazie ad un sistema di pannelli e lamelle fotovoltaiche integrate.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

people mover automatizzato

- Il Parco delle Acque offre ampie aree di risarcimento ambientale e attività ludico-sportivo-ricreative che trasformano l’informe panorama della zona est, proponendo un messaggio universale di sensibilizzazione alla risorsa acqua ed alla biodiversità. Dalla passeggiata-belvedere lineare un network di percorsi ramificati e digradanti conduce al mare, intercettando prima aree protette dedicate allo sport e poi una serie di piscine e vasche d’acqua – salata, salmastra e dolce – che in alcune zone servono a ricostituire un habitat adatto alla flora ed alla fauna, mentre in altre incentivano attività per il tempo libero ed il gioco. Si garantisce così l’uso del parco in tutte le stagioni e nelle ore notturne per consentire un ritorno economico che copra ampiamente i costi di manutenzione e gestione. Non ci sono strutture fisse che limitano la vista verso il mare ad eccezione di piccoli padiglioni temporanei in legno rivestiti con materiali trasparenti di derivazione velistica.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

scultura d'acqua sospesa

Opere D’Arte > ACQUA E MOVIMENTO

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

scultura d'acqua sollevata

In sintonia con il messaggio di rispetto delle risorse ambientali che sottende il nostro progetto e che riunifica architettura e paesaggio, anche le opere d’arte suggerite per il lato monte del boulevard, le piazze, il parco e gli spazi interni dell’acquarium propongono l’acqua come tema fondamentale di riflessione e sensibilizzazione. Una serie di grandi sculture in acciaio inox che si muovono danzando dolcemente ed imprevedibilmente con l’acqua e con il vento esplorano la ricchezza e la profondità dell’energia naturale. E’ un modo per conoscere, apprezzare e riflettere di più sul nostro pianeta e su noi stessi, composti, come sappiamo, per la maggior parte d’acqua. Il movimento delle sculture in equilibrio colpite dalle gocce d’acqua è imprevedibile e non si ripete mai allo stesso modo, con l’effetto di rendere, attraverso apparente semplicità, lo spazio interno ed esterno ricco e pieno di vita. Ogni singolo elemento delle sculture è bilanciato e connesso con gli altri e così basta una minima quantità d’acqua per consentire rotazioni e spostamenti minimi del sistema. Sono possibili una serie di varianti dimensionali sull’idea base proposta che può essere realizzata in sospensione dall’alto o sollevata su palo.

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

schizzo maestro susumu shingu

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

prospettiva d'insieme 1

Luigi Centola, Centola & Associati, Joao Antonio Ribeiro Ferreira Nunes-PROAP, Gianni Zallocco, Francesco Rizzo, Enrico De Bartolomeis — AQVA* "Salerno Porta Est"

prospettiva d'insieme 2

Benthem-crouwel-architekten-mvsa-west8