Projects
Frontcovers
Top Favorites
Latest
Competitions
Albums
Details
Newsletters
Firenze (FI), Italia

Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

Concorso internazionale, I premio

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

modello 2

L’ intervento è chiamato a dare risposta a un programma funzionale e simbolico complesso, applicato a una parte della città di Firenze, finora marginale, chiamata oggi ad ospitare importanti e prestigiose istituzioni pubbliche. L’area in cui è prevista la costruzione del “Nuovo Auditorium”, posta lungo la linea di faglia che separa la Firenze verde da quella di pietra, gioca infatti un delicato ruolo di integrazione tra le diverse parti della città. A questo problema il progetto risponde con gli strumenti della progettazione urbana e della forma architettonica.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

modello 1

Il progetto si articola almeno su tre piani distinti, per ognuno dei quali è chiamato a dare differenti risposte di scala.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

vista

• Alla scala urbana il progetto è stato pensato per aumentare la dotazione dello spazio pubblico ed operare un’efficace riconnessione tra la città ed il parco delle Cascine. Questo ambizioso obiettivo è perseguito nel progetto qui presentato attraverso la realizzazione di un’estesissima dotazione di spazio pubblico che a varie quote tra di loro raccordate con un vasto piano inclinato, mette a sistema le nuove volumetrie dei due auditorium, della cavea all’aperto e di una serie di giardini interni ed a copertura delle volumetrie, sino a costituire la condizione di un vero e proprio Parco artificiale raccordato con quello naturale attraverso un ponte pedonale che a sudovest supera il fosso Macinante.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

vista esterna su Leopolda

• Alla scala del contesto locale il nuovo progetto è pensato per realizzare un esteso complesso culturale, il parco della Musica e della Cultura appunto, all’interno del quale sono messe a sistema le nuove imponenti dotazioni degli auditorium e dei servizi connessi con le importanti volumetrie preesistenti(Leopolda) e di possibile nuova realizzazione (nuovo Palazzo dei Congressi), sino a realizzare una nuova centralità urbana dedicata alle attività culturali e musicali.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

sala grande

• Alla scala architettonica il progetto è pensato per assicurare le migliori dotazioni di un polo musicale di primaria importanza, attraverso un’offerta prestazionale rilevantissima e di assoluta eccellenza sul piano della musica lirica, concertistica, da camera e rock, in un complesso realmente polifunzionale e flessibile sul piano delle variegatissime potenzialità d’uso.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

pianta

L’insieme degli spazi e dei luoghi espressamente dedicati alla musica descrive un luogo di grande valore urbano e paesaggistico, un sistema di terrazze e di spazi aperti schiettamente toscano, destinato a raccordarsi sul piano urbanistico, architettonico e visivo con l’immediato intorno costruito e con l’intera città di Firenze.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

sezione

Le sale musicali

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

notturno

Il progetto delle sale acustiche costituisce il tema centrale nella concezione di un moderno auditorium.

Arlotti, Beccu, Desideri, Raimondo, ABDR Architetti Associati — Parco Della Musica E Della Cultura Di Firenze, Nuovo Auditorium

prospetto

Il progetto delle due sale da musica è eseguito in conformità ai principi e agli standards che sono oggi universalmente acquisiti. Questi principi sono essenzialmente:

• La reciproca indipendenza e separazione strutturale delle due sale acustiche, nonché la loro relativa lontananza.

• L’indipendenza strutturale della sala acustica dall’involucro esterno, necessità dettata dal bisogno di limitare le interferenze esterne e i disturbi del rumore circostante.

• La concezione architettonica e distributiva della sala come “box in the box”, come scatola nella scatola, condizione che garantisce isolamento e buona risposta alle performances acustiche richieste ed alle convenienze distributive.

Nell’elaborare il progetto acustico dell’Auditorium di Firenze, si è tenuto conto della richiesta avanzata nel Bando di Gara di poter fruire contemporaneamente, senza limitazioni, delle varie sale da Musica: la Sala Grande, la Sala Piccola ed anche la Cavea sovrastante la Sala Grande.

La Grande sala da 2000 posti è contenuta all’interno di un grande volume stereometrico inclinato, largo 38 m., lungo circa 43 m. ed alto circa 19 metri., inserito all’interno del grande piano inclinato ascendente.

La Sala piccola, da 1000 posti, è caratterizzata da una grande flessibilità d’uso, prevalentemente destinata alla musica concertistica.

Grazie alla sua particolare conformazione, la sala è inoltre sezionabile in due grandi settori di circa 500 posti cadauno.

La Cavea capace di contenere 2600 spettatori è stata posizionata in copertura della Sala 2000, ad integrazione e conclusione dell’esteso sistema di piazze, terrazze e belvedere, che costituisce la vera e propria anima del progetto. La sua fruibilità, pertanto, non è relegata alla sola temporalità degli spettacoli, ma è estesa all’intero arco della giornata, delle stagioni e dell’anno. Le sue gradinate di “pietra” sono concepite come veri e propri “salotti urbani” alternati a porzioni trattate a piccolo giardino, offerti all’uso continuo e libero del pubblico. La contigua presenza del complesso bar-caffeteria-ristorante, ne supporta la funzione di struttura adatta alla vita en plein air.

La localizzazione della Cavea ai piedi del grande volume della torre delle scene, inoltre, assicura funzionalità aggiuntiva alla struttura che potrà trovare, nella grande parete soprastante, una superficie estesissima per proiezioni, in grado di supportare al meglio qualsiasi sovrastruttura e qualsiasi grande evento spettacolare.

Sulla piazza dell’Auditorium si stagliano, perfettamente allineati, sette grandi vetri, tre metri per tre, che fuoriescono dal suolo. Il numero dei vetri è l’unico richiamo alla scala musicale. In ognuno di loro c’è una forma di colore che si libra nel vuoto.

Ente Banditore: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Struttura di Missione per le Celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia presso il Dipartimento per lo Sviluppo e la Competitività del Turismo

Committenza: ATISAC Società Appalti Costruzioni S.p.A. + IGIT S.p.A.

Progettazione Architettonica e Coordinamento generale alla progettazione:

Progettista capogruppo: ABDR Architetti Associati s.r.l., Prof. Arch. Maria Laura Arlotti, Prof. Arch. Michele Beccu, Prof. Arch. Paolo Desideri, Prof. Arch. Filippo Raimondo

Collaboratori: Arch. Maria Persichella (coordinamento operativo), Arch. Stefano Pieretti (coordinamento operativo), Arch. Livia Spanò, Arch. Massimo Barbera, Arch. Claudia Pagani, Arch. Angela Arnone, Arch. Camilla Calviello, Arch. Daria Dickmann, Arch. Cristina Greco (editing), Arch. Roberto Simeone (elaborazione grafica), Geom. Antonio Giglio, Arch. Angela De Vita, Arch. Alessandro Ciocci, Arch. Rocco Smaldone, Arch. Arianna Francioni, Arch. Alessia Piazza, Arch. Julia Forte, Arch. Cecilia Metella, Arch. Antonella Antonilli

Consulenza per l’Acustica: MÜLLER – BBM ,Ing. Jürgen Reinhold

Consulenza per i Sistemi Teatrali: Arch. Luigi Pizzi regista scenografo

Consulenza Artistica :Gregorio Botta artista

Consulenza per la prevenzione incendi: Ing. Giacomo Ruggeri

Progettazione Strutturale: ITALINGEGNERIA srl, Prof. Ing Silvio Albanesi, Ing. Manuela Vanenti, Ing. Tommaso Albanesi, Ing. Simone Senesi, Arch. Francesca Bertozzi

Consulenza Geologica e Geotecnica: DMS ENGINEERING SRL, Prof. Ing. Salvatore Miliziano

Progettazione Impiantistica: ENEC srl, ingegneria energetica e realizzazione impianti, Ing. Renato Tito, Ing. Danilo Cavaliere, Ing. Domenico del monaco, Ing. Simone Schowick

Architecture-and-color